Cataratta. A Chieti i primi interventi in Italia effettuati con il nanolaser

quotidianosanità.it - 20 agosto 2015

Cataratta. A Chieti i primi interventi in Italia effettuati con il nanolaser

Il nanolaser riduce fortemente lo stress chirurgico su strutture delicatissime come l'endotelio, lo strato più interno della cornea, e l'iride che possono essere danneggiate da un uso eccessivo di energia e di ultrasuoni, particolarmente in occhi già affetti da problemi preoperatori.

I primi interventi di cataratta in Italia eseguiti con nanolaser presso il Centro Nazionale di Alta Tecnologia in oftalmologia dell'Universita' "G.d'Annunzio" di Chieti-Pescara portano la firma di Leonardo Mastropasqua, già precursore della tecnica con fentomlaser. "Il laser a Nanosecondi ha la caratteristica di avere una lunghezza d'onda infinitamente corta ed elevatissima efficienza- spiega Leonardo Mastropasqua -e la sua estrema riduzione della lunghezza d'ondaconsente di distruggere i tessuti malati senza arrecare nessun danno ai tessuti sani contigui. Ciò oggi consente quindi di operare in tempi ancora più rapidi e di eliminare le miopie più elevate ma anche le ipermetropie".

Chieti rappresenta il primo caso in cui è stato utilizzato il femtolaser "ed oggi con il nanosecondi possiamo dire - sottolinea - di essere arrivati al top della tecnologia nella chirurgia della cataratta e dei vizi di rifrazione elevati o non risolvibili con chirurgia corneale".
La nano chirurgia associata alla chirurgia robotica con Femto laser ,consente di operare oggi lecataratte e di eliminare miopie elevate, ipermetropie elevate, astigmatismi elevati e presbiopia senza bisturi,senza ultrasuoni senza danni ai tessuti sani circostanti con minori rischi intra e postoperatori,un recupero visivo ancora più veloce e duraturo nel tempo.


Il nanolaser riduce fortemente lo stress chirurgico su strutture delicatissime come l'endotelio, lo strato più interno della cornea, e l'iride che possono essere danneggiate da un uso eccessivo di energia e di ultrasuoni,particolarmente in occhi già affetti da problemi preoperatori. Questa evoluzione tecnologica consente un ulteriore passo avanti anche nelle chirurgia dell'occhio ed in particolare del cristallino.
"Questa nuova evoluzione chirurgica -conclude Piovella- Presidente della Società Oftalmologica Italiana- dimostra ancora una volta quanto l'oftalmologia italiana necessiti di un maggior sostegno ed attenzione da parte della politica per poter continuare ad essere all'avanguardia sia per tecnologie innovative ed avanzate: i medici oculisti italiani sono tra i più preparati e capaci. Oggi però non dispongono di adeguata attenzione e sostegno economico per poter diffondere l'accesso alla cura migliore da parte dei pazienti che ne hanno bisogno. Oggi solo operandosi privatamente non esistono ostacoli all'utilizzo delle innovative e positive nuove tecnologie . In sintesi si sta rischiando di non essere più in grado di tutelare la salute visiva dei cittadini italiani. Non era mai successo prima".

 

Torna su

CONTATTI

0871.357219
0871.358794
oftalmologia@unich.it

Come raggiungerci

NEWS

Leggi tutti gli Articoli
Corso Internazionale il centro intervento laser miopia clinica oftalmologica patologie oculari mastropasqua oftalmologica chirurgia robotica Diapositivi ortottisti specializzandi Harminder Singh Dua rassegna stampa Trapianto cornea intervento laser cataratta clinica oculistica chieti pubblicazioni scientifiche oftalmologia femtolaser scuola di chirurgia medici cataratta infermieri Trapianti di cornea chirurgia